Tu sei qui

Aggiornato il: 25 Luglio 2016

Servizi per l'imprenditore

Sanzioni amministrative

La normativa sul Registro delle imprese, REA (Repertorio Economico Amministrativo) ed Albo delle imprese artigiane prevede che le domande, le denunce, i depositi e le comunicazioni debbano essere effettuate entro termini precisi.
Quando l'adempimento viene effettuato in ritardo o è omesso, la Camera di commercio accerta la violazione, atttraverso l'emissione di un verbale di accertamento che viene notificato a mezzo posta agli obbligati principali (titolare dell'impresa individuale e amministratori dei soggetti collettivi), nonchè, nel caso di società, anche alla società stessa in quanto responsabile in solido.
La violazione si intende commessa il primo giorno successivo alla scadenza del termine per l’invio della domanda (e non il giorno di presentazione della domanda o della denuncia al Registro delle imprese). Sono previste inoltre sanzioni amministrative per denunce non veritiere o utilizzo non consentito del titolo di maestro artigiano.

Sanzioni del Registro delle imprese
L'importo della sanzione dipende dall'entità del ritardo della domanda o del deposito effettuato:

Soggetti

Importo sanzione

Importo ridotto*

Imprese individuali in caso di tardiva o di omessa presentazione della domanda di iscrizione/modifica/cancellazione

da € 10,00

a   € 516,00

 € 20,00

Società/Consorzi

per istanze/depositi presentati nei 30 gg successivi alla scadenza del termine

da € 34,33 a € 344,00 per le domande

da € 45,78 a € 458,67 per il bilancio

€ 68,66  

€ 91,56 per il bilancio 

Società/Consorzi

per istanze/depositi presentati oltre i 30 gg successivi alla scadenza del termine

da € 103,00 a € 1.032,00 per le domande

da € 137,33 a € 1.376,00 per il bilancio

€ 206,00  

€ 274,66  per il bilancio

*Se il pagamento della sanzione avviene entro 60 giorni dalla notifica del verbale di accertamento è possibile effettuare il pagamento liberatorio ridotto (pari al doppio del minimo della sanzione prevista, ai sensi dell’art. 16 legge 24 novembre 1981, n. 689).

Nota: per le violazioni commesse fino al 14 novembre 2011 gli importi delle sanzioni relativi a società e consorzi ammontano ad € 549,34 per il ritardato deposito del bilancio ed € 412,00 per la ritardata od omessa presentazione di altre domande al Registro delle imprese.

Sanzioni REA (Mod. S5 - UL - R) 
L'importo della sanzione dipende dall'entità del ritardo della denuncia effettuata. 

Giorni di ritardo

Importo sanzione

Importo ridotto*

dal 1° al 30° giorno di ritardo

€ 30

€ 10,00

dal 31° giorno 
di ritardo

€ 154

€ 51,33

*Se il pagamento avviente entro 60 giorni della notifica del verbale di accertamento, è possibile effettuare il pagamento liberatorio ridotto (pari ad un terzo del massimo della sanzione prevista, ai sensi dell'art. 16 della Legge 24 novembre 1981, n. 689).

Sanzioni Albo delle imprese artigiane
L’applicazione delle sanzioni amministrative è prevista nei seguenti casi (art. 19 della L.P. n. 11/ 2002):

  • per un uso non consentito di una denominazione in cui ricorrano riferimenti all’artigianato, in violazione dell’art. 3, comma 4 bis
  • per un uso non consentito del titolo di maestro artigiano, in violazione dell’art. 14, comma 3
  • in caso di mancata comunicazione della variazione  relativa ai requisiti e alle condizioni che determinano la cancellazione dall’albo entro i sessanta giorni dal suo verificarsi

Gli importi sono i seguenti:

Motivo Importo sanzione Importo applicato
Uso non consentito di una denominazione in cui ricorrano riferimenti all’artigianato

da € 250,00 a € 2.500,00

€ 500,00
Uso non consentito del titolo di maestro artigiano

da € 250,00 a € 2.500,00

€ 500,00
Mancata comunicazione della variazione  relativa ai requisiti e alle condizioni che determinano la cancellazione dall’albo entro i sessanta giorni dal suo verificarsi

da € 100,00 a € 1.000,00

€ 200,00

Modalità e Termini di pagamento
Il pagamento deve essere effettuato, entro 60 giorni dal ricevimento del verbale, seguendo le istruzioni allegate al verbale di accertamento di violazione.

Presentazione scritti difensivi e richieste di audizione
Entro il termine di 30 giorni dalla data di notificazione del verbale, gli interessati possono far pervenire alla C.C.I.A.A. di Trento - Servizio Vigilanza e Sanzioni - scritti difensivi e documenti e possono chiedere di essere sentiti (art. 18 legge 689/81).

Gli scritti difensivi vanno redatti in carta semplice ed inviati con una delle seguenti modalità:

Si precisa che devono essere espressamente indicati ed argomentati i motivi specifici per i quali si vuole impugnare il verbale. In tale ipotesi si ricorda che sono comunque dovute le spese di notifica. Non va invece versato l'importo della sanzione.

Normativa
Legge 24 novembre 1981, n. 689 - Modifiche al sistema penale
Legge 4 novembre 1981, n. 630 - Nuove norme concernenti i termini e le sanzioni relativi alla presentazione delle denunce al registro delle ditte presso le camere di commercio
Legge Provinciale 1 agosto 2002, n. 11 – Disciplina dell'impresa artigiana nella provincia autonoma di Trento 
Codice civile: Art. 2194; Art. 2630; Art. 2631

Contatti: 

Sicurezza prodotti, vigilanza e sanzioni

Via Calepina 13 - I piano
38122 Trento

Tel 
0461 887372
Orari 

dal lunedì al venerdì 8.30-12.15
giovedì 8.30-12.15 e 15.00-16.00

Ti è stata utile questa pagina?: