Tu sei qui

Aggiornato il: 31 Ottobre 2017

Ambiente: Responsabile Tecnico

ambiente_rifiuti

Verifiche di idoneità dei responsabili tecnici - Pubblicato il calendario degli esami
Il Comitato nazionale ha recentemente definito i requisiti del Responsabile Tecnico  (artt. 12 e 13 del D.M. 3 giugno 2014, n. 120). La relativa Delibera, entrata in vigore il 16 ottobre 2017, prevede che tutti i nuovi responsabili tecnici, quelli che intendono ricoprire tale incarico in nuove categorie o in una classe superiore della categoria di appartenenza, debbano superare apposite verifiche di idoneità (Delibera del Comitato Nazionale n. 7 del 30 maggio 2017). Sul sito dell’Albo Nazionale Gestori Ambientali nell’area riservata ai responsabili tecnici, è stato pubblicato il calendario degli esami relativi a tali verifiche (pcome da art. 13, comma 1, del D.M. n. 120/2014 e dall’art. 2 della Delibera del Comitato Nazionale n. 6 del 30 maggio 2017) .

Nella stessa area riservata il candidato potrà visualizzare i dettagli logistici (data-luogo-orario-riferimenti) di ogni sessione attiva, effettuare il log-in e avviare la procedura di iscrizione che è esclusivamente telematica.

La verifica si svolgerà mediante prova scritta con 80 quiz a risposta multipla, di cui 40 relativi al modulo obbligatorio per tutte le categorie e 40 relativi al modulo specialistico. Per superare la verifica bisogna rispondere correttamente almeno all’80% delle domande. Sul sito dell’Albo Nazionale Gestori Ambientali sono stati pubblicati i set completi dei quiz delle verifiche. In caso di mancato superamento la prova potrà essere sostenuta decorsi almeno 60 giorni dalla comunicazione dell’esito negativo (si veda quanto disposto dall’art. 2, commi 3 e 5, della delibera del Comitato nazionale n. 6/2017 sopra ricordata).

È dispensato dalle verifiche il legale rappresentante dell’impresa che abbia ricoperto o ricopra contemporaneamente anche il ruolo di responsabile tecnico e che, al momento della domanda, abbia maturato esperienza nel settore di attività oggetto di iscrizione per almeno 20 anni.

Disposizioni transitorie
Il responsabile tecnico delle imprese e degli enti iscritti alla data di entrata in vigore della Delibera del Comitato Nazionale n. 6/2017 può continuare a svolgere la propria attività in regime transitorio per ulteriori cinque anni, anche per altre imprese iscritte, o che si iscrivono, nella stessa categoria, stessa classe o classi inferiori e potrà sostenere la verifica a partire dal 2 gennaio 2021.

Dimostrazione del requisito di esperienza – Riconoscimento dell’affiancamento
Il Comitato Nazionale ha introdotto l’istituto dell’affiancamento per la dimostrazione del requisito di esperienza richiesto al Responsabile Tecnico. Le imprese eventualmente interessate, con nota a firma congiunta del legale rappresentante, del dipendente e del Responsabile Tecnico, devono comunicare preventivamente alla Sezione competente, tramite PEC all’indirizzo albogestori.trento@pec.it, l’inizio e la durata del periodo di affiancamento utilizzando l’apposito modulo

Ti è stata utile questa pagina? 
1.02